Ischia News ed Eventi - Ascom News

Per i reati in materia di IVA che hanno comportato un’evasione grave non ci sarà più un termine massimo di durata del processo; la prescrizione sarà azzerata dopo ogni fase processuale, quindi in pratica non si applicherà mai.
Niente più speranza di prescrizione per chi è accusato di reati in materia di IVA. Lo ha deciso la Corte di Cassazione con una sentenza depositata il 20/01/16, che di fatto abroga la prescrizione per i reati che hanno comportato un’evasione grave dell’IVA. Adesso occorre attendere la Corte costituzionale.

In questi ultimi periodi il fenomeno dei profili falsi su Facebook si è espanso notevolmente: segno, da un lato, che è diminuita l’attenzione e la selettività degli utenti nell’accettare amicizie da parte di estranei; dall’altro, che gli interessi degli approfittatori si stanno ampliando sino a sfruttare economicamente ogni possibile aspetto della vita sui social.
Perché i profili falsi?

Entra in vigore la stretta sulle prescrizioni di visite, prestazioni mediche ed esami, che, se non assolutamente necessari, dovranno essere interamente pagati dal cittadino.

È illegittima la presunzione di ricavi basata su una percentuale di ricarico desunta dalle medie di settore, maggiore rispetto a quella applicata dall’azienda, quando la determinazione dell’Ufficio sia fondata solamente su alcuni articoli commercializzati, anziché sull’inventario generale delle merci, e quando il calcolo venga effettuato col sistema della media semplice anziché con quello della media ponderale. Un siffatto calcolo, infatti, non è idoneo a rappresentare in maniera puntuale e veritiera i ricavi dell’azienda e risulta, dunque, inadatto a supportare una rettifica fiscale eseguita col metodo analitico-induttivo.

Altri articoli...

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.