Ischia News ed Eventi - Tu, mio Vince la seconda edizione del Premio Aenaria

Tu, mio Vince la seconda edizione del Premio Aenaria

Teatro
Typography

Applausi sentiti per il direttore artistico Corrado Visone nella serata di domenica 6 dicembre quando si sono assegnati gli ambiti riconoscimenti della seconda edizione del Premio Aenaria, realizzati dall’artista Nello Di Leva di Keramos.
Vince l’edizione 2015 lo spettacolo Tu, Mio di Erri De Luca messo in scena il 7 novembre dalla compagnia TeatRing di Milano.     
La serata finale ha avuto un’impronta leggera con il cabaret di Enzo Boffelli direttamente dal Boss dei Comici e la briosa musica di Nic Pantalone e la sua chitarra.

Momenti emozionanti si sono vissuti per la premiazione del miglior attore e della miglior attrice. Riconoscimenti assegnati a Matteo Ridolfi nel ruolo di Callimaco in Mandragola della Compagnia degli Evasi e a Martina Lodi per lo spettacolo Tango della compagnia Amici di Jachy. Il Premio Aenaria per la miglior regia è andato a Raffaele Furno per la commedia “La gamba di Sarah Bernhardt” della compagnia Imprevisti e Probabilità di Formia.

Il Premio caratterizzato da una significativa impronta sociale ha visto alternarsi sul palco (grazie anche al contributo prezioso della Compagnia di navigazione Medmar) spettacoli di ricerca, di narrazione e rappresentazioni musicali, assegnati dalla Giuria presieduta da Salvatore Ronga. Menzioni speciali alla compagnia Bottega dei Rebardòealla Compagnia Ansiteatro;premi speciali della stampa: Premio Aenaria_Il Dispari al cast femminile de Le troiane di Euripide e di Lividi per la tematica della violenza sulle donne; Premio Aenaria_Il Golfo compagnia di teatro del Bianconiglio per "Settaneme". Il Premio Aenaria_Gradimento del pubblico è stato assegnato all'associazione Arte Povera per lo spettacolo Troiane.

Il Premio Aenaria quest’anno si è posto anche un altro obiettivo, quello di sostenere l’arte teatrale e i suoi linguaggi in ambito drammaturgico, di valorizzare gli autori e le loro opere e di suggerire nuovi contenuti e espressioni. La giuria composta da Claudio Petruccioli ex presidente Rai, Giovanna Nuvoletti scrittrice e saggista, Salvatore Ronga regista e autore, Cristina Cilli regista Rai, Ornella Roccuzzo addetto stampa e esperta di comunicazioni ha premiato “Lo spazio vuoto” di Paolo Bignami e Giovanni De Luise con “i panni sporchi”.

 

TUTTI I VINCITORI DEL PREMIO AENARIA

PREMIO AENARIA_ ATTRICE EMERGENTE

a SERENA URTI

nel ruolo della morte nello spettacolo “SETTANEME” della compagnia di teatro del BIANCONIGLIO di Eboli.

MOTIVAZIONE:

Per l’interpretazione ricca di suggestioni, colta e popolare, all’interno di uno spettacolo che sa raccontare il sud e sublimare la memoria collettiva in poesia.

___________________________

PREMIO AENARIA_MIGLIOR SCENOGRAFIA

TROIANE DI EURIPIDE

a cura dell'ASS. CULT. ARTE POVERA

 

MOTIVAZIONE:

Per la straordinaria macchina scenica che diventa strumento espressivo, saldando passato e presente in un tempo sospeso, evocativo e drammatico che si fa azione.

___________________________

PREMIO AENARIA_MIGLIOR ATTRICE

a MARTINA LODI

per lo spettacolo TANGO della compagnia AMICI DI JACHY

MOTIVAZIONE

Per la leggerezza e la profondità con cui ha saputo restituire l’umanità del personaggio nella sua problematica complessità, con misura e rigore, elevando il vissuto personale a dimensione universale.

__________________________

PREMIO AENARIA_MIGLIOR ATTORE

a MATTEO RIDOLFI

nel ruolo di Callimaco in MANDRAGOLA della COMPAGNIA DEGLI EVASI

MOTIVAZIONE:

Per la reinvenzione di un personaggio del teatro classico, in felice equilibrio tra sperimentazione e tradizione, al limite del virtuosismo, ma al servizio di un progetto originale e coraggioso.

___________________________

PREMIO AENARIA_MIGLIOR REGIA

a RAFFAELE FURNO

per la regia di LA GAMBA DI SARAH BERNHARDT di IMPREVISTI E PROBABILITÀ DI FORMIA

MOTIVAZIONE:

Per il gioco teatrale convincente che, con continue e riuscite invenzioni, valorizza il testo e le qualità attoriali all’interno di un disegno registico raffinato e coerente.

___________________________

PREMIO AENARIA_MENZIONE SPECIALE

 

alla compagnia Bottega dei RebArdò   

MOTIVAZIONI

la regia che ha saputo valorizzare la dimensione collettiva della tragedia dei desaparecidos e per la recitazione corale e inclusiva degli attori.

____________________________

PREMIO AENARIA_MENZIONE SPECIALE

alla compagnia Ansiteatro

MOTIVAZIONI

per la brillantezza nel modo di cantare, per l'ottima intonazione e per l'alto contenuto sociale del testo.

____________________________

PREMI SPECIALI DELLA STAMPA

PREMIO AENARIA_Il Dispari

al Cast femminile di Troiane di Euripide per la tematica della violenza sulle donne

PREMIO AENARIA_Il Golfo

compagnia di teatro del Bianconiglio per "Settaneme"

PREMIO AENARIA_GRADIMENTO DEL PUBBLICO

all'Associazione Arte Povera per lo spettacolo TROIANE

____________________________

PREMIO AENARIA_MIGLIOR SPETTACOLO

TU, MIO

 

MOTIVAZIONE

La scrittura drammaturgica, l’uso sapiente dello spazio scenico e il talento degli interpreti concorrono al profilo qualitativo dello spettacolo, capace di riportare al presente della messinscena la memoria del passato e le contraddizioni dell’adolescenza alla necessità di una metamorfosi, che è il senso più autentico del fare teatro.    

___________________________

GIURIA PREMIO AENARIA

PRESIEDUTA DA:Salvatore Ronga (regista e autore)

CON:Milena Cassano (attrice e regista), Gianni Vuoso (giornalista), Valerio Buono (regista), Isabella Puca (giornalista), Nick Pantalone (musicista e cantante), Isabella Marino (giornalista).

___________________________

­PRIMO CLASSIFICATO AL PREMIO AENARIA PER LA DRAMMATURGIA INTELLIGENTE

“LO SPAZIO VUOTO” DI PAOLO BIGNAMI

 

MOTIVAZIONE

L'azione, complessa, ha un eccellente ritmo teatrale. I personaggi sono del tutto credibili e coerenti anche nelle loro espressioni più eccentriche e imprevedibili. Il linguaggio aderisce in modo convincente sia alle situazioni sia ai personaggi; è studiato con attenzione e ben reso lo slang giovanile. Il dialogo, all'apparenza convenzionale, fa invece risaltare le ansie e le debolezze dei protagonisti. Una storia dura, insieme surreale e profondamente vera, straziante. Egregia soluzione scenica, forte il senso di estraneità. Un testo teatrale senza ammiccamenti

 

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.