Ischia News ed Eventi - «Ischia è una questione di stile ed è la patria dello storytelling»

«Ischia è una questione di stile ed è la patria dello storytelling»

Tecnologia e ambiente
Typography

Lungo colloquio con il giornalista Ciro Cenatiempo a margine della Borsa del Turismo Online di Firenze. Grazie alla proposta dell’isola verde parte un messaggio universale, forte e chiaro, di crescita per migliorare la presenza sul web delle isole italiane e di tutte le località che guardano al futuro con intelligenza. L’esempio del film “Odis-sea” di Eleonora Sarracino ed Emanuele Rontino. La strategia della Federalberghi ischitana guidata da Ermando Mennella è vincente e coinvolgente.

Foto di Ricardo Sotillo

«Ischia è una questione di stile». È un tweet che cita un’affermazione di Ciro Cenatiempo, intervenuto mercoledì scorso alla Bto, la Borsa internazionale del Turismo Online di Firenze, per introdurre e coordinare un panel nazionale di confronto su un tema molto particolare, intitolato «(Non) sentirsi un’isola». Abbiamo chiesto al nostro amico giornalista alcune valutazioni su questa partecipazione, avvenuta in compagnia di una nutrita ed entusiasta delegazione di albergatori, dipendenti e professionisti isolani dell’industria delle vacanze.

Ciro, tu non sei molto “social”, ma la Bto ti ha “catturato”.

«Sono stato ospite del gruppo di “IloveIschia”, il marchio creato da Federalberghi Ischia anche in relazione alle ottime esperienze di collaborazione avviate con i guru della Bto, a partire dallo scorso anno. Proprio dal presidente di Bto, Robert Piattelli, ci è stato chiesto di occuparci di una tematica piuttosto critica, relativa alla considerazione del mondo delle isole visto dall’interno, a rischio di una sopravalutazione non produttiva. Piattelli è intervenuto all’incontro organizzato dal presidente di Federalberghi Ischia, Ermando Mennella, che è anche il numero uno di categoria per tutte le isole minori italiane, insieme al presidente di Federalberghi Eolie, Christian Del Bono. Dopo di noi, in un altro slot di storie brevi, sono anche intervenuti, con molto successo, gli imprenditori giovani: i simpatici e dinamici Paola Monte, Giuseppe Mattera e Maria Monte. I risultati del nostro incontro, comunque, mi hanno convinto. E anche molto».

Cosa è emerso?

«In questo contesto si sono evidenziati alcuni fattori determinanti. Il primo è relativo al ruolo strategico della Federalberghi di Ischia, e del suo presidente Mennella: intende favorire la rete delle piccole isole italiane partendo da quella più frequentata e con la stagionalità più lunga, Ischia ovviamente. Ischia è così capofila di un percorso di crescita e di sviluppo, fondato sulla valorizzazione dell’accoglienza in termini di ecosostenibilità e, soprattutto, di concreta e reale “umanizzazione” delle relazioni con gli ospiti, un fatto che si fonda su una fortissima tradizione e che va a integrare i processi di socializzazione avviati sul web. Una tradizione che si lega alla potenza del nostro patrimonio paesaggistico e culturale».

«Lo storytelling è nato a Ischia». Geniale o provocatorio? È tua, questa frase?

«Già, e non è azzardata. La passione ischitana si fonda su dati incontrovertibili. Ho detto che lo “storytelling scritto” è nato a Ischia 2800 anni fa, perché è una verità planetaria, un po’ banale per noi: la frase incisa sulla famosissima Coppa di Nestore è il primo esempio di una storia narrata, di una dedica, di un atto d’amore grande anche se postumo. Inserita nel contesto delle narrazioni orali del ciclo omerico, dunque dell’Iliade e dell’Odissea, è un esempio di stile di assoluta raffinatezza, complesso e popolare allo stesso tempo. Una rampa di lancio per superare le nuvole fumose della socializzazione superficiale e tritatutto. O si va più su o è meglio restare… a terra. I segnali del web-marketing sono già chiari. I guru fanno marcia indietro e cambiano gli orientamenti».

Questione di stile?

«Proprio così. E proprio Ischia è una questione di stile. Altro che orgoglio e sciovinismo rischioso. Si tratta solo di conoscerci meglio, in profondità. Partendo dalla potenza della nostra storia originale e inimitabile, le tecnologie, le tecniche e i contenuti del nostro “essere online”, devono condizionarsi in meglio reciprocamente, consapevolmente. E fare un salto decisivo verso uno stile inconfondibile, che si lega a una valutazione forte: l’unico settore in crescita netta nel turismo, è quello culturale; l’unico che esalta al top pure la grande creatività che c’è sul web. Le nostre foto, i nostri time-laps, clip, video, teaser, banner, post, commenti e tutto ciò che riguarda quelle che io chiamo “le effervescenze digitali” devono provare ad assumere questa caratteristica. Del resto il discorso è emblematico».

Cosa intendi dire?

«Ho dimostrato ampiamente, e lo stesso Robert Piattelli si è detto d’accordo che le isole, e Ischia in particolare che è, poi, come ripeto spesso, un “continente in miniatura”, racchiudono in un solo luogo reale le motivazioni antiche che una volta e, ovviamente, anche oggi spingono i viaggiatori, i turisti a spostarsi: la ricerca del mito, l’utopia, il sogno, la bellezza, il desiderio, la meraviglia, l’esotismo, l’altro da sé. C’è tutto in un’isola e solo lì, nello stesso tempo. Con uno stile e una storia formidabile, che parte da lontano».

Una lunga storia mediterranea?

«Proprio così. Non a caso ho fatto vedere, legandolo alla energia evocativa della Coppa di Nestore, il film ideato e realizzato da Eleonora Sarracino ed Emanuele Rontino per la festa di Sant’Anna di quest’anno, il bellissimo “Odis-sea”, magico gioco di parole, per un documento emozionante, coinvolgente. Che lascia a bocca aperta. Ogni singolo frame, dal punto di vista iconico, simbolico, può svilupparsi e contagiare i contributi di talenti nuovi, prodotti creativi e contenuti online di respiro ampio. Ma non solo, ovviamente. Ed è la dimostrazione che le isole e, dunque, tutto il turismo, possono puntare su una “modalità” diversa di narrazione. Partendo da Ischia, che è la patria dello storytelling».

2 - Ermando Mennella e Ciro Cenatiempo a BTO foto Ricardo Sotillo

4 - I Love Ischia a BTO foto Ricardo Sotillo

1 - Ciro Cenatiempo foto RicardoSotillo

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.