Ischia News ed Eventi - Cucina e Tradizione

Come ha influenzato Ischia sul mio percorso professionale? La mia Ischia.. la mia terra, la mia tradizione, il mio territorio, i suoi prodotti, la stagionalità della materia prima, la ricerca della stessa da piccoli produttori che senza alcuna pretesa definirei i veri artigiani del gusto..; la mia infanzia, il ricordo dei fantastici piatti che mangiavo da bambino preparati da mia nonna Felicia e da mia mamma Concetta, figure intramontabili nella mia vita professionale e personale… I profumi delle quattro stagioni, gli odori, le sensazioni della natura che forse solo da bambini si percepiscono inconsapevolmente e si apprezzano di più, in quanto si ha la mente più libera da impegni e stress quotidiano, lavoro, appuntamenti, telefono, computer, ecc.

La storia e il destino del vino di Ischia sono indissolubilmente legati al mare: dal commercio e trasporto verso i principali porti italiani a bordo delle vinaccere, alle viti abbarbicate sul tufo verde, caratteristica pietra di formazione marina. E di tufo verde sono pure i muri a secco, detti parracine, che da secoli come lunghe braccia ossute, delimitano i lembi di terra entro i quali si snodano i vigneti ischitani: monumenti e testimonianze di un continuo dialogo con le nostre tradizioni. La sopravvivenza del patrimonio enoico di Casa D’Ambra è dovuta oggi a passione, dedizione e tenacia. Solo grazie a queste qualità, che si muovono spesso su binari opposti a quelli economici, è possibile mantenere in vita il carico di memorie del nostro passato e l’umanità che scaturisce dal nostro legame con la terra.

Si chiama www.arcipelagomuratori.it: è il nuovo sito della Fratelli Muratori, entrato online il 2 dicembre scorso. Semplice, lineare, chiaro, gradevole e tutto vissuto dall’interno dell’azienda. Apprezzabile per la sua linearità senza esibizionismi. Sono queste qualità che gli hanno consentito di scalare la classifica dell’inchiesta Cantine in web e di collocarsi al settimo posto tra i nomi più famosi dell’enologia italiana: un risultato che ha superato ogni previsione ed è giunto tanto più gradito, in quanto inaspettato.

L’Oceano è fatto di tante gocce, la Terra è fatta di tanti granelli... In mezzo c’è l’Uomo, miliardi di Uomini, che, uno per uno, formano il Mondo. Insieme, singolarmente, possono salvarlo. Come scrisse Dumas: «Tutti per uno, uno per tutti». Con questa convinzione la condotta Slow Food di Ischia e Procida organizza: Per chi suona la Campania Venerdì 21, sabato 22, domenica 23 maggio.

Tutti per uno, uno per tutti: è sempre con questa convinzione, che abbiamo inforcato la bicicletta e abbiamo girato, in lungo ed in largo, la Campania e paese per paese, città per città, borghi, villaggi, quartieri, contrade, vicoli, parchi, boschi…

Sabato 20 marzo 2010, alla vigilia dell’entrata ufficiale della primavera, le Cantine Pietratorcia hanno presentato presso il ristorante-degustazione del Cuotto, dove erano poste le vecchie cantine dei Micho, la nuova creatura della ormai rinomata azienda enovinicola foriana, Forastera Doc 2009.

Questa nuova gemma va ad arricchire il già nutrito bouchet della vetrina dei vini di Pietratorcia, e rappresenta un significativo motivo di orgoglio.

In questi giorni siamo nel pieno periodo natalizio e tutti ci accorgiamo che con l’aumento del freddo è trascorso un altro anno di vita, cercando nel contempo di dare alla nostra quotidianità un maggior spessore qualitativo. Molti cristiani scelgono questo periodo per sentirsi e comportarsi un po’ meglio, ed almeno in superfice tentiamo di rinverdire vecchie tradizioni di gente sicuramente più avvezze a rapporti umani certamente migliori, sotto ogni punto di vista.

Altri articoli...

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.