Ischia News ed Eventi - Architettura

Detto, fatto.

Quando quest’estate, nella serata conclusiva del PIDA, l’Arch. Giancarlo Graziani invitava tutti all’appuntamento di ottobre a Dubai, c’erano un po’ di dubbi sulla reale fattibilità di quest’impegno. E invece, la tenacia e la passione del gruppo dell’associazione PIDA per quest’evento, hanno fatto si che ciò diventasse realtà.

Uno stand da 120 mq dove il premio rappresenterà il suo operato portandosi con se i messaggi positivi che l’isola sa dare legati al turismo e soprattutto alla cultura, visto che ad accompagnare il PIDA ci sarà anche la Fondazione Luchino Visconti che, in gemellaggio con l’ambasciata di Abu Dhabi porterà il nome del regista e di Ischia nella terra degli emiri.

Ischia, isola di esperimenti architettonici. Questa la sfida, ambiziosa, lanciata dall’IsAM-Istituto per l’Architettura Mediterranea e dalla Associazione Amici di Gabriele Mattera che anche quest’anno, dal 30 settembre al 2 ottobre, ospita nei fascinosi spazi del Castello Aragonese la 16. edizione degli Incontri Ischitani di Architettura Mediterranea, sotto l’organizzazione degli architetti Nicola Mattera, Pasquale Mei e Antonello Monaco.

Manuel Aires Mateus, uno dei maggiori protagonisti dell’architettura internazione odierna, e i suoi studenti dell’Università della Svizzera Italiana di Mendrisio, presenteranno i progetti di un centro benessere localizzati a Sorgeto, uno dei luoghi più incantevoli e misteriosi dell’isola. L’esposizione, intitolata “Terme Isola d’Ischia”, presenta 25 soluzioni su come coniugare il fascino di un luogo fuori del tempo e le esigenze di benessere della società contemporanea. 25 sondaggi su come anche Ischia, martoriata da un diffuso malcostume edilizio e dal fenomeno dell’abusivismo, può puntare su uno sviluppo turistico diverso, sospinto dall’architettura di qualità.

Recentemente Ischia News & Eventi ha dedicato alle numerosissime torri dell'isola d'Ischia un inserto speciale, a completamento del numero di Giugno. Una di queste torri è di questi tempi oggetto di discussioni infinite circa la sua storia e la sua identità: ci stiamo ovviamente riferendo alla Torre di Guevara, altrimenti conosciuta come "di Michelangelo" o di "S. Anna". Spiegheremo tra un po' il perché di questa indecisione, avvalendoci della competenza in merito del dott. Giorgio Brandi, consigliere del "Circolo G. Sadoul".

Al di là dell'attribuzione del nome, qualcosa di più importante riguarda al momento la torre, vero?

«Esatto. La Torre che io personalmente preferisco intitolare ai Guevara, legittimi proprietari dell'immobile fino all'800, è al centro di una meritoria iniziativa che vede protagonista l'Università tedesca di Dresda.

Il Museo Civico Archeologico "Pithecusae" di Villa Arbusto nel Comune di Lacco Ameno, Ischia (Na) è uno dei Musei più importanti d'Italia dove sono esposti oltre tremila reperti archeologici e culturali di rara bellezza ed importanza (tra i quali la famosa "Coppa di Nestore") che illustrano la storia dell'isola d'Ischia, primo insediamento greco del Mediterraneo, dalla preistoria fino all'età romana. Ed è proprio in questa splendida cornice che giovedi 1 settembre 2011 alle ore 18:30 si terrà la conferenza dal titolo:

NOVITA' PITHECUSANE: Da Punta Chiarito a Punta S. Pietro

Forma, ricerca, statica, proporzione e materia, in una parola, Architettura.

Tutto parte da un'idea che prende vita su carta, con gomma, matita, compasso e si coniuga nella realtà, in armonia con la natura, ricongiungendosi al passato, ma utilizzando concetti e tematiche moderne.

E' qui che si riconosce l'identità e il carattere di un luogo, i simboli per eccellenza, la cartolina di una città, pensiamo alle pietre ondulate e all'utilizzo del colore di Gaudì a Barcellona.

Gli artefici sono loro, gli architetti, coloro che abitano questi edifici e queste città senza poterli abitare, donando se stessi con la lontananza, come leggevo tempo fa in una rivista di settore. Niente di più vero.

Pubblicati i risultati del concorso per gli alberghi e le Spa più belle del mondo.

Anche quest'anno la giuria ha dovuto lavorare molto per scegliere i vincitori: da Nord a Sud trentadue gli studi di architettura concorrenti tra la sezione interior design ed architettura con interventi d’alta qualità realizzati in Italia e negli Emirati Arabi Uniti.

Architetti di fama internazionale, mostre, conferenze, workshop: si tratta della quarta edizione del PIDA, il Premio Internazionale Ischia di Architettura, la kermesse che accende i riflettori sui progetti di strutture turistico-ricettive che coniugano la qualità dell’ospitare con il rispetto per l’ambiente. La splendida villa “La Colombaia”, un tempo dimora del regista Luchino Visconti, si riconferma quale location che ospiterà dal 18 al 24 luglio l’evento frutto della collaborazione tra l’associazione PIDA, l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia, l’ANAB (Associazione Nazionale Architettura Bioecologica) e Federalberghi.

Altri articoli...

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.